Il Giornale di Trieste

Call 3473483364

E-mail: info@gazzettinogiuliano.it

Ve confesso che dopo el concerto dei Sardoni Barcolani Vivi de domenica me se vignu voia de cercar i testi delle canzoni che se cantava in birreria Dreher con Ucio, qualcosa go trova, qualcosa me ricordo. Se ve vanza deme una man.

EL TRAM DE OPCINA (LA NOVA BORA)

E anche el tram de Opcina xe nato disgrazià
Vignindo zo de Scorcola 'na casa el ga ribaltà.
Bona de Dio che jera giorno de lavor,
e drento no ghe jera che el povero frenador!

E come la bora che vien e che va,
i dixi che 'l mondo se ga ribaltà!
E come la bora che vien e che va,
i dixi che 'l mondo se ga ribaltà!

E anche el tram de Servola xe nato disgrazià.
Corendo in Galeria in piazza el xe sbrissà.
Drento ghe jera diverso personl
che se ga ribaltado e se ga fato mal!

E come la bora che vien e che va...

Col "due" se va a Servola, col "quatro" in Arsenal,
col "sie" se va a Barcola, col "cinque" in Ospedal
col "uno" in Zimitero, col "sette" alla Stazion,
col "nove" in Manicomio, col "diese" in Canon!

E anche 'ste mulete tute mate pe' l' capèl,
le zerca de compagnarse a qualche bel putel;
ma co le 'riva a casa se senti un gran bordel,
e pare, mare e fia copa i zimisi col martel!

E come la bora che vien e che va...

L'Italia ga pan bianco, la Francia ga bon vin,
Trieste ga putele, tute carighe de morbin,
carbon ga l'Inghiltera, la Rusia ga cavial
e l'Austria ga capuzi che no se pol magnar!

E come la bora che vien e che va...

-------------------------------

LA VENDERIGOLA

Son de mestier venderigola in piaza,
son triestina ma dona sincera,
mi trato tuti con bela maniera,
solo un scartozo no poso sofrir!
Quando che vien quel tanghero
in guanti profumai,
per spender la flicheta
el tira su i ociai,
e po'l me disi "Strucolo*",
el tenta un pizigon…
Go brazi stagni e forti,
che nova? sior paron!
Che nova? Che nova?
Che nova? sior paron!


-----------------------------


MARINARESCA


Una fresca bavisela
incomincia za a sufiar;
xe ponente su la vela,
ghe xe gusto a bordisar!
Te saludo, dona mia,
vado in barca a paiolar!
Se 'sta note stago via,
no te devi disperar!
Trieste dormi
e 'l mar se movi apena,
le stele brila
e le me fa sognar…
Se questa note
ciapo una sirena,
te la vojo
domani a regalar.
Go co mi tre grandi afeti,
quando vado a navigar:
go Trieste, i tui oceti
e la barca per pescar.
Ma domani, co fa giono,
te me sentirà cantar
e te porto, quando torno,
tuti i pessi che xe in mar.

--------------------------


LA BANDA - ANTICA MARCETTA TRIESTINA

Soldai porta cavai,
la banda la ven, l'èi chi.
Cavai porta soldai,
la banda la ven, l'èi nada.

La banda la vien (6 volte)
la banda militar.
Soldai, soldai, soldai porta i ferai;
ferai, ferai, ferai porta i soldai.
La banda la vien (6 volte)
la banda la vien, la va.

Come la marcia ben, la banda, la banda;
Come la marcia ben, la banda, la banda;
Come la marcia ben, la banda, la banda;
Come la marcia ben, la banda dei usei
freschi e bei!

E fin che la va cussì non la va mica male;
E fin che la va cussì non la va mica male;
E fin che la va cussì non la va mica male;
E fin che la va cussì la banda dei usei
freschi e bei!

--------------------------


POLENTA E BACCALA'

La mula de Parenzo
lioilà
gà messo su botega
lioilà
de tutto la vendeva,
fora che 'baccalà.
Perchè non m'ami più?

Tutti mi chiamano "bionda"
lioilà
ma bionda io non sono:
lioilà
porto i capelli neri,
sinceri nell'amor.
Perchè non m'ami più?

Sinceri ne l'amore,
lioilà
sinceri ne gli amanti:
lioilà
ne ho passati tanti
e passerò anche te!
Perchè non m'ami più?

La me morosa l'è vecia
lioilà
la tegno de riserva
lioilà
quando che spunta l'erba,
la meno a pascolar!
Perchè non m'ami più?

La mando a pascolare
lioilà
nel mese di Settembre
lioilà
e quando vien Novembre,
la vado a ritirar.
Perchè non m'ami più?

La mando a pascolare
lioilà
insieme alle caprette,
lioilà
l'amor con le servette,
non lo farò mai più!
Perchè non m'ami più?

Se il mare fosse de tocio
lioilà
e i monti di polenta
lioilà
oh mamma che tociade,
polenta e baccalà.
Perchè non m'ami più?

Se il mare fosse di vino
lioilà
e i laghi de acquavita,
lioilà
'briaghi per tutta la vita:
polenta e baccalà.
Perchè non m'ami più?

--------------------------


LE GALINE TUTE MATE

E la vecia, vecia, vecia
de l'apalto, de l'apalto,
la gaveva un bel galeto,
quando el canta, canta, canta,
i verzi, 'l verzi 'l beco, beco, beco
che 'l fa proprio inamorar!
Amici, beviam, beviam!

Le galine tute mate
per la perdita del galo
le ga roto el caponaro
de la rabia che le ga.
Le ga roto, roto, roto
'l caponaro -naro -naro
de la rabia che le ga.
Le ga roto, roto, roto
'l caponaro -naro -naro
de la rabia che le ga.
Amici, beviam, beviam!

A le more, a le more
deghe trenta, deghe trenta,
a le bionde vintioto,
a le rosse, a le rosse
gnanca oto, gnanca oto,
a le grise un patacòn!
Amici beviam beviam!

Le galine tute mate etc.

--------------------------


VIVA NOE'

Viva Noè,
il gran patriarca,
salvato dall'arca
sapete perchè?
Perchè fu l'autore
del dolce liquore
che lieti ci fà!
Larallallallà!

Bevevano i nostri padri? Si!
Bevevan le nostre madri? si!
E noi che figli siamo
beviam, beviam, beviamo!
E noi che figli siamo
beviam, beviam, beviamo!

Beviam del moscatello
che fa girà il cervello.
Questa è la legge che seguono gli italici:
alzano i calici e vuotano il bicchier.
E vuotano il bicchier; e vuotano il bicchier.

Dal bianco moscatello
al rosso grignolin
ne avessi un botticello
vorrei veder la fin...

Evviva l'inventor
del dolce liquor
che allegri ci fa:
la - lalla - lalla - la'.
Evviva l'inventor
del dolce liquor
che allegri ci fa:
la - lalla - lalla - la'.


--------------------------


MOLIGHE 'L FIL CHE'L SVOLI

Lo gavevo, lo gavevo,
lo gavevo e lo go lassa
perchè 'liera, perchè 'l iera,
perch' 'l iera un disperà.

Molighe 'l fil che 'l svoli
quel mandriol peloso!
'l voleva che lo sposo,
inveze lo go lassà!

Lo gavevo, lo gavevo,
lo gavevo e lo go lassa
perchè 'liera, perchè 'l iera,
perch' 'l iera un disperà.

'l me ga dà una vera
de quele de coltrina:
bonora la matina
la fuga el ga ciapà!

--------------------------


VUOI CHE TI COMPRI

Vuoi che ti compri un bell'abitino,
che forse sarà quello che ti guarirà?
- No, no, no! Cara mama, no!
voi non lo sapete il male che mi go!

Vuoi che ti compri un bel cappellino,
che forse sarà quello che ti guarirà?
- No, no, no! Cara mama, no!
voi non lo sapete il male che mi go!

Vuoi che ti compri un bell'ombrellino,
che forse sarà quello che ti guarirà?
- No, no, no! Cara mama, no!
voi non lo sapete il male che mi go!

Vuoi che ti compri un bel morosino,
che forse sarà quello che ti guarirà?
- Sì, sì, sì! Cara mama, sì!
Questo iera il male che gavevo mi!


--------------------------


NO LA ME VOL PIU' BEN

No la me vol più ben,
e no la me vol più ben:
la prega Dio che crepo,
la prega Dio che crepo!
E no la me vol più ben,
e no la me vol più ben:
la prega Dio che crepo,
inveze stago ben!

E mio marì xe bon,
el xe tre volte bon
ma solo la domenica
'l me onzi col baston!

Babe, parlè, parlè,
Babe, parlè, parlè,
parlè 'ncora una volta
che dopo creparè!

Babe, gavè parlà,
se gavè slavazzà:
per mi xe 'ncora un Dio
che vela pagherà!


--------------------------


CIRIBIRIBIN PAGHE' 'NA BIRA

Ciribiribin, paghè 'na bira,
Ciribiribin, no go moneda,
Ciribiribin, doman de sera,
Ciribiribin, la pagherò!

Sei bella, sei cara,
bella, non piangere!
bella, non piangere!
Sei bella, sei cara,
bella, non piangere
nè sospirar!

Ciribiribin, ghe vol persuto,
Ciribiribin, e mortadela,
Ciribiribin, la mula bela
Ciribiribin per far l'amor.


--------------------------


LA STRADA FERATA

Adesso che gavemo
la strada ferata,
in meza giornata
se vien e se va.
E tiche - tache - tuche... etc...

Adesso che gavemo
la strada ferata,
con bel giornata
in gita se va.
E tiche - tache - tuche... etc...

Adesso che gavemo
la strada ferata,
la boba in pignata
mai più mancherà!
E tiche - tache - tuche... etc...

--------------------------

TI COL MUSS, MI COL TRAM


Ti col muss, mi col tran
'ndemo a Servola doman,
'ndemo a Servola doman,
'ndemo a Servola doman.

Ti col muss, mi col tran
'ndemo a Servola doman,
'ndemo a Servola doman.

Sotto la pergola
'ndemo a Servola
Sotto la pergola
'ndemo a Servola
Sotto la pergola
'ndemo a Servola doman!

Ti col suf, mi col pan
'ndemo a Servola doman,
'ndemo a Servola doman,
'ndemo a Servola doman.

Ti col suf, mi col pan
'ndemo a Servola doman,
'ndemo a Servola doman.

Sotto la pergola
'ndemo a Servola
Sotto la pergola
'ndemo a Servola
Sotto la pergola
'ndemo a Servola doman!

Mi con ti, e ti con mi
'ndemo a Servola doman,
'ndemo a Servola doman,
'ndemo a Servola doman.

Mi con ti, e ti con mi
'ndemo a Servola doman,
'ndemo a Servola doman.

Sotto la pergola
'ndemo a Servola
Sotto la pergola
'ndemo a Servola
Sotto la pergola
'ndemo a Servola doman!

Ti col suf, mi col pan
'ndemo a Barcola doman,
'ndemo a Barcola doman,
'ndemo a Barcola doman.

Ti col suf, mi col pan
'ndemo a Barcola doman,
'ndemo a Barcola doman.

Sotto la pergola
'ndemo a Barcola
Sotto la pergola
'ndemo a Barcola
Sotto la pergola
'ndemo a Barcola doman!


--------------------------


DE TRIESTE FIN A ZARA

De Trieste fin a Zara
go impegnà la mia chitara,
Amor, amor, amor!
Amor, amor, amor!
De Trieste fin a Zara
go impegnà la mia chitara,
Amor, amor, amor!
Chè Trieste xe un bel fior!

Iero in campagna col primo amore,
oh, che bel fior!
Oh, che bel fior! Oh, che bel fior!
Iero in campagna col primo amore,
oh, che bel fior! Oh, che bel fior!
Viva l'amor!

De Trieste fin Duino
go impegnado el mandolino,
etc...

Iero in campagna col primo amore,
etc...

De Trieste fin a Pola
go impegnà la mia zivola,
etc...

Iero in campagna col primo amore,
etc...


--------------------------


ANCORA UN LITRO DE QUEL BON

Ancora un litro de quel bon
Ancora un litro de quel bon
Ancora un litro de quel bon
po' ndemo a casa.
No go le ciave del porton
No go le ciave del porton
No go le ciave del porton
pe' andar a casa.
Le go lasade in un canton
Le go lasade in un canton
Le go lasade in un canton
de la scarsela.
Marieta buta zol'pajon
Marieta buta zol'pajon
Marieta buta zol'pajon
che dormo in strada.
No vojo caffè nero, no
No vojo caffè nero, no
No vojo caffè nero, no
ma deme trapa.

--------------------------

E LE BABE DE RENA VECIA

E le babe de Rena Vecia
e le se senta su per le scale
va in maloron
e coi cavei zo per le spale
va in maloron
e no le fa che criticar.
Ritornello…
E vegno a casa a mezogiorno
e sul fornel no trovo fogo,
e mi me toca far de cogo
e se un bocon vojo magnar!

---------------------------------

LA CANZON DEI FASOI

Ma cossa farò per pranzo?
Fasoi col radiceto!
Per zena cossa fazo?
Radicio coi fasoi!
Xe questo el ritornel dei tempi bruti;
tra i povereti xe 'l parlar de tuti.
Rit.:
Fasoi, fasoi
lasseli che i se smoi!
Fasoi, fasoi
meteli su che i boi!
Sia in tecia che in salata,
che in garbo o in minestron,
co l'orzo o coi capuzi
sto fasol xe sempre bon.
Comprè, magnè,
donete, veci e fioi
fasoi, fasoi, fasoi.
Se ogi un fiatin de carne
magnar pol solo i siori,
spagheti ghe vol 'ssai bori
per ciorli del strozin,
se in fila per dò pessi se se straca,
ghe xe el fasol che salva la baraca.
Rit. Fasoi, fasoi
Noi sempre ricorderemo
le bianche fasolade
che in guera xe stà petade
salvandone el copin.
Dovessimo crearghe un monumento
a sto fasol che se ingiotiva a stento.
Rit. Fasoi, fasoi

----------------------------

CANTA SAN GIUSTO

I veci brontola
che i tempi xe cambiai:
no xe più maschere
no xe più carnevai
che come i tempi andai
sta nostra gioventù
no se diverti e no la canta più.
Canta San Giusto dal suo campanil
l'eterno canto che tocca ogni cor
Trieste tuta xe un canto gentil,
che ghe somiglia al profumo de un
fior!
Canta la bora, le onde del mar
e le sirene che ciama al lavor,
una canzon che nissun sa cantar...
Trieste tuta xe un canto de amor!
e adesso i giovani
xe mati drio 'l balon,
se fin le suocere
se ga taja 'l cocon,
se dura sta pasion
pe'l giazz e pe'l simi,
el nostro canto dunque xe finì?!
Canta San Giusto.....

---------------------------------------------

CASA MIA

La mia nona me diseva
"Ai muleti el vin fa mal!
No sta bever come i veci,
te va via come un cocal"
e de soto la credenza
la tigniva un bel fiascon,
e ogni tanto la slucava
senza perder l'ocasion.
Rit.:
Casa mia, casa mia,
la xe tuta un'alegria
ogni stanza un betolin,
se respira odor de vin.
Gò una voia intorno al colo
de merlot o de refosco
ma mio pare, co 'l xe duro,
el me disi che xe inchiostro.
No savevo come mai
mi son rosso de cavei,
xe pel marchio dela casa,
casa mia de alcolizai.
Rit.:
Casa mia, casa mia,
la xe tuta un'alegria
ogni stanza un betolin,
se respira odor de vin

-----------------------------------

CAVANA

Mi te toco el cul a ti,
ti te tochi el cul a mi
e noi due se tocherem,
finché nudi resterem
mi te cavo le mudande
e te sbrego el regipeto.
Sì sì nudi qui in Cavana!
Tanto tempo go spetà
per podertela toccar
Tanto tempo go spetà
per podertelo fisciar
ma el momento xe rivà
e te sbrego anche i colant.
Sì sì fame de putana!
E nel scuro semo zà,
xe qualcossa che no va
questa la conoso zà,
za de tanto tempo fà
ferma tuto, tira el slaif
e la luce go impizà.
Sì sì te son ti mia mama!

--------------------------------------

E LA INCONTRAI A BARCOLA

E la incontrai a Barcola sul tram
numero 6
due oci cussì grandi pareva dò fanai.
La iera tanto cocola, anda de gran
signora,
che mi me son dito "(un nome) per ti
xe giunta l'ora!"
Rit.:
Che putela, che putela, vaca mastela,
vaca mastela,
Che putela, che putela, vaca mastela, la
voio sposar!
La colpa fu del tramwai passado sora
un buso
ga dado un gran scasson, ghe son
finido suso:
e allora rivoltandose con vose assai
soave
la me ga dito (un nome) "Va in mona
de tu mare!"
Rit
Se sa che non son rico ma gnanche
assai de meno
allora mi ghe digo: "Te vol che se
sposemo?"
"Va ben mio baldo giovane, se la ga
intenzioni oneste
la vegni a casa mia a far le sue
richieste."
"Sì, ma lei dove la stà?"
"Mi stago in via Crociferi sora de via
Cavana
go dò fradei in canon che i gà copado
mama,
papà xe alcolizado, zio xe orbo de un
ocio,
nono gà el mal de fegato e (un nome)
xe un po' fenocio."
Rit.

Share
Categoria: